Cerca
  • avvocatoguarino

Il Marchio Comunitario e la Domanda di Registrazione secondo il Regolamento CE 207/2009


Il Marchio Comunitario e la Domanda di Registrazione secondo il Regolamento CE 207/2009.

Sempre più spesso le aziende, per ovvi motivi di strategia aziendale e per tutelarsi, si ritrovano a dover affrontare la questione relativa alla domanda di registrazione del Marchio.

Con l’evolversi di una globalizzazione sempre più accentuata e trovandosi in un fase storica di “europeizzazione”, sono proprio le domande di registrazione di un marchio comunitario che sono aumentate a dismisura.

La procedura di registrazione è molto intuitiva e segue i dettami previsti dal Regolamento CE 207/2009.

Si consente infatti, di poter ottenere con un’unica domanda un marchio che sia valido su tutto il territorio della Comunità Europea: tale marchio potrà essere poi a seconda delle esigenze del richiedente registrato, trasferito, rinunciato, dichiarato nullo o decaduto e il suo uso vietato solo per la totalità della Comunità Europea. I richiedenti legittimati a richiedere la domanda di registrazione del marchio sono le persone fisiche aventi la cittadinanza o il domicilio in uno Stato membro, o per le persone giuridiche basterà avere in uno stato membro della comunità europea la propria sede o una stabile organizzazione. Una simile circostanza verrà richiesta anche alle persone giuridiche o fisiche aventi la cittadinanza, il domicilio, una sede o una stabile organizzazione in uno degli Stati aderenti alla Convenzione di Parigi o all’Accordo che istituisce l’organizzazione mondiale del Commercio (GATT).

Sembra quindi chiaro, che i profili del sistema di registrazione del marchio coesiste con il sistema di registrazione dei marchi nazionali.

Tale domanda di registrazione viene presentata, a scelta del richiedente, o presso l’Ufficio di Armonizzazione del mercato Interno (UAMI) con sede al Alicante in Spagna con qualsiasi mezzo (corriere, fax, in modalità online o anche di persona) ovvero presso l’Ufficio dei Marchi del Benelux con sede all’Aja (Paesi Bassi) oppure addirittura presso l’Ufficio Centrale della Proprietà Industriale, che per l’Italia è UIBM, che provvederà ad inoltrarla all’UAMI entro 2 settimane dalla data di deposito. Successivamente, si perviene alla fase più delicata ed affascinante della procedura di Registrazione. Infatti la domanda, presentata in una delle lingua ufficiali dell’UE , sarà oggetto da parte dell’UAMI di una verifica concernente carattere di Novità che il marchio deve detenere. Tale ricerca di novità se prima era gratuita, ora è facoltativa per il richiedente ed a pagamento.

Una volta trasmesso il rapporto di ricerca dall’UAMI al richiedente, si procederà alla pubblicazione del marchio registrato

Per la felicità (e tutela) del richiedente.


15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Studio Legale Guarino & Associati - 2017